Categorie
Punti di interesse

Lungolago Marconi

Città di Lazise - TourismLazise

Il lungolago Marconi rappresenta un altro punto di interesse da non perdere durante la vostra visita a Lazise. Questa suggestiva passeggiata si collega a nord con i comuni di Cisano, Bardolino e Garda, mentre a sud, prima con le spiagge e poi con Peschiera del Garda.

Per raggiungere questo lungolago ti suggeriamo di entrare nel centro storico di Lazise, passando da una delle tre antiche porte, ovvero Porta San Zeno, Porta Cansignorio e Porta del Lion. Una volta giunti nel centro storico le vie ti condurranno tutte presso il lungolago, in quanto il paese e fatto a forma di pettine.

Lungolago Marconi
Lungolago Marconi

Il lungolago è caratterizzato da una pavimentazione ondulata che richiama le onde del lago, poiché un tempo l’acqua si riversava a ridosso dell’attuale passeggiata, arrivando fino ai portici dei ristoranti. Lazise venne per questo definita una piccola Venezia, costruita interamente sull’acqua, le cui vie erano percorribili esclusivamente con le proprie imbarcazioni. Queste calli erano state progettate anche con un sistema di difesa costituito da palizzate che impedivano ai nemici di entrare nel paese.

Se volete godervi una passeggiata romantica, gustare un aperitivo, un gelato al tramonto o semplicemente sedervi su una panchina ed ammirare le limpide acque del lago, questo è il posto giusto. In prossimità del Porto Nuovo è da segnalare la presenza di una statua in bronzo che rappresenta la Sirenetta del lago, una figura femminile che balza su uno scoglio uscendo dall’acqua e che, specchiandosi nel lago, dona un’immagine di lucentezza.

Sirenetta Lungolago Marconi - Lazise

A questo proposito una leggenda interessante narra che tra i mulinelli delle acque del lago alcuni pescatori abbiano avvistato delle splendide creature metà donna e metà pesce, le sirene appunto.

All’inizio del lungolago Marconi, provenendo da nord, troverete sul muro alla vostra sinistra un’epigrafe in marmo che ricorda che Lazise è il comune più antico d’Italia: infatti il 7 maggio 983 l’imperatore Ottone II concesse agli originari di Lazise il privilegio di fortificare il borgo con mura turrite e di godere di ampie autonomie amministrative, in particolare nei commerci e nella pesca.

ALTRI LUOGHI

FORTIFICAZIONI MEDIEVALI

SCOPRI

DOGANA VENETA

SCOPRI

CHIESA SANTI ZENONE E MARTINO

SCOPRI

SAN NICOLÒ

SCOPRI

PORTO VECCHIO

SCOPRI

LE FRAZIONI DI LAZISE: PACENGO E COLÀ

SCOPRI

LUOGHI DI CULTO A LAZISE

SCOPRI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *